I was looking for legitimate writing sites which compensate authors. Writing sites like these are mushrooming and there are worries of scams amongst them. Triond has been on the top list of writing websites which pay me dutifully every month. But I decided that I need to look at other sites to earn more from my freelance writing activity - thus, the search for legitimate writing sites. 

Here is a short list of get-paid-to-write sites which I know for sure has actually paid its authors.

Academia Research

Academia Research is a website which allows you to get paid for writing assignments. These writing assignments, which take the form of academic papers, have to meet the demands of students from the United States, Canada, Australia and Great Britain, thus the stricter selection process. You need to provide your CV when you sign up for an account. Subsequently, you will need to pass a test essay given by their editorial team. Once you have passed the test, your account will be activated. You can then search for writing jobs available from your control panel. You can be paid between $6 and $20 per page. You do not have the rights to your article once it is sold. There is also a strict writing guideline you have to comply with when you write your assignments. Payment is made via Paypal once you have completed an assignment.

Constant Content

Constant Content allows you to submit articles, photos, videos and illustrations for sale. These articles are often purchased by magazine editors or website content developers or bloggers for blog entries. There are many licenses for these people to purchase, namely full rights license, unique rights license and usage rights license. If you have articles previously published, you can still sell them at Constant Content for usage rights license. These buyers are constantly looking for material and if they can't find them at Constant Content, they can make a private or public request for the specific articles to be written. Many writers will attempt to do so and they will have a list of articles pertaining to that topic in no time. Payment is made on the first week of every month once you reach $50 in your account.

eHow

If you're good at writing "how-to" articles, then go to eHow. In order for you to get paid for writing for eHow, you need to sign up for a free account and join the Writer's Compensation Program. You can then publish an article, submit photos and videos. Once you have published an article, you will be compensated for pageviews and its content. The more useful the article is, the more money you will earn. eHow pay its members after reaching a threshold of $10. At eHow, you retain all your rights to your work. Unfortunately, eHow is only for writers who are US citizens above the age of 18 years old.

Demand Studios

Demand Studios has many websites on various topics of interest. You can get freelance writing assignments from Demand Studios and get paid for them. First of all, you need to provide your CV when you sign up for an account. Once it is approved, their editorial staff will match writing jobs based on your interests, skills and competence. You can receive an upfront payment for your approved assignments. The payment varies according to your content. You will be paid via Paypal every Friday or a check for special assignments if the editorial team contacted you via email. The downside is that Demand Studios owns all rights to the content. And it is only for US citizens above the age of 18 years old.

Ground Report

At Ground Report, you can publish news stories, photos or videos. You get paid via Paypal at end of each month based on statistics from the previous month. You will receive a proportionate share of the payout based on the traffic to your published materials. Whatever you publish at Ground Report must be original. The best part is that you retain all rights to your work. You also get to choose from 4 different kind of Creative Commons licenses for your work.

Associated Content

At Associated Content, you can write articles on any topic and submit them for approval. Once they are approved, you can start earning money. Besides articles, you can also submit videos, audios and slideshows. There are two ways you can be compensated at Associated Content, namely Performance Payment and Upfront Payment. You are only eligible for Upfront Payment if you are a US citizen above 18 years old. They pay via Paypal once your earnings amount to $1.50 and payments are sent every Monday, Wednesday and Friday for Upfront Payments or the beginning of every month for Performance Payments. At Associated Content, you can submit articles under the Exclusive, non-Exclusive or Display-Only rights grant. The different rights you grant affect the distribution of your materials to their partnership sites.

Helium

Helium is a publishing website which allows you to write articles on various topics. You can either write articles based on topics others have written before or make up your own category. Helium is famous for its rating system. It allows readers to compare 2 articles of similar topics or titles to determine which is the better one. As such, your article will be ranked against other articles written by other writers. Your earnings is based on your article ranking and the number of pageviews you get. Apart from performance payment, Helium also organizes contest where you can win cash. At Helium Marketplace, there is a list of articles wanted by websites or magazines. You can write an article based on the topic they requested and hopefully, website owners or magazine editors will pick yours up. You can be paid a lump sum for that. They pay via Paypal once you reach $25.

Review Stream

At Review Stream, you can write reviews on books, hotels, products, places, cities, practically anything. Once you submit the reviews, the editors will review them, reject or accept them. The current rate for each piece of review is $2 if accepted. However, sometimes your review may not meet their criteria. As such, you can be paid the bulk rate which is the current rate divided by 5, in this case 40 cents. On top of that, every vote pays 10 cents. You can get paid via PayPal after reaching the threshold of $50. You need not sign up to write reviews for them.

Triond

At Triond, you can get paid for writing articles, publish photos, videos and audio materials. You are free to write on any topic you like and submit them. You can even write in other languages besides English. Once your material is approved by the admin, you will receive a confirmation e-mail from Triond to notify you that your article has been published. They will tell you where the article has been published. Triond has many affiliate sites pertaining to different topics. So you may have your articles published at different websites if you write about different things. Triond will automatically pay via PayPal on the 15th of every month once you have earned at least 50 cents, lowest payout so far. Payment is based on an ad-revenue sharing scheme as well as the number of pageviews. Triond only accepts original materials which has never been published elsewhere before.
Note: Whichever website you choose to write for, it is best to tread with caution. Try out by submitting a few articles and see if you like their system. If you are sure that the site is the best for you to showcase your writing abilities and get paid for them, then you can go ahead and spend more time and effort on the site. Good luck and keep writing!

 Source: http://www.writinghood.com/Online-Writing/Nine-Legitimate-Writing-Sites-Which-Pay.199101

I've learned that desktop sharing/screen sharing software applications make life a lot easier for both the users and for the Administrators. It's not only a great way to supply technical support to users, but it's also a fabulous way to share data and collaborate with others remotely quickly and easily.
I've been using remote desktop sharing software for a while now and it's worked wonders for our team. Multiple people in different locations around the country can work on a presentation or a project plan simultaneously from their desktop computers! Here's a list of a couple of my favorite screen sharing software over the last few years:
yuuguu
Probably my favorite because of it's ease of use and the fact that you can use it to remotely access your PC or MAC also! Yuuguu is completely free and allows you to instantly share your screen with anyone. Works well through firewalls also and on MACs.
crossloop
CroosLoop is also very easy to use, but requires that each party install the CrossLoop software onto their computers. Uses 128-bit encryption and allows for file-sharing also.
logmein
Another popular service for remote desktop sharing. Easily access remote PC's by installing a client software onto each machine. Good for remote PC trouble-shooting, etc.
showmypc
A good free tool for online collaboration, desktop sharing, and remote PC access. No registration required, no logins, very easy to use. Uses SSH to make connections to other PC's.
skyfex
SkyFex allows remote watching and remote control in real time. Does not require additional software installation and works transparently through NAT and Firewalls. Only for IE though.
teamviewer
TeamViewer has a couple of features, such as remote control of PCs, screen sharing, file transfer, chat ability, and is secure. Have to install the TeamViewer software for it to work.
screen stream
A free software that lets others watch your screen in real time. No need to install any software, which is a plus. Works with Windows, Mac and Linux.
You can use all of the applications for all kind of activities, such as boardroom presentations, group lectures, remote PowerPoint presentations, computer helpdesk, whiteboard for telephone conferences, etc.
If you know of one that I missed or think is better, post a comment! Enjoy!

La tecnologia Intel sulla strada dell'alimentazione senza fili. Possibili anche pacemaker. "Ma non subito", avverte Rattner


ADDIO a cavi e batterie: presto potremo accomodarci al parco, al bar o in treno e navigare senza l'incubo che si spenga il pc. Il Chief Technology Officer di Intel, Justin Rattner, ha infatti annunciato che i laboratori della sua azienza, partendo dalla tecnologia messa a punto dai ricercatori del MIT, stanno lavorando a un nuovo tipo di tecnologia wireless capace di ricaricare il computer senza bisogno di batterie. La notizia è stata data ufficialmente in occasione del Developer Forum di San Francisco.

Insomma, siamo a un passo dall'alimentazione senza fili. In soldoni il pc diventerà un accessorio come un altro, autonomo e capace di "assistere" l'essere umano senza bisogno di dipendere da una ricarica. Rattner ha già mostrato come un Wireless Resonant Energy Link (WREL) sia capace di alimentare una lampadina da 60 Watt senza usare né cavi né prese elettriche, con una dispersione di energia pari al 30%. Un'energia sufficiente ad alimentare anche un computer portatile.

Trasmettere energia attraverso l'aria è comunque un campo di ricerca abbastanza vecchio (uno dei pionieri è stato Tesla, all'inizio del '900), ma non ha mai portato grandi risultati. In passato gli studiosi cercavano di far percorrere all'energia grandi distanze, ma si scontravano con il fatto che la maggior parte dell'energia andava sprecata. La "scoperta" in questione è più che altro un' "intuizione intelligente" basata sul fatto che la situazione è cambiata rispetto al passato: visto che l'elettricità arriva dovunque con la corrente, non serve un metodo di trasmettere energia a lungo raggio, ma basta un metodo efficiente su brevi distanze. In pratica lo scopo di tutto è rimuovere i cavi di alimentazione.

"Un passo importante - dice l'ingegnere Intel Joshua Smith - tra qualche anno avremo la possibilità di usare il pc anche a grande distanza dalla stazione wireless". La tecnologia WREL impiega dei risonatori in grado di assorbire l'energia anche a distanza: questo significa che sarà possibile anche lavorare con i laptop a diversi metri di distanza dalla fonte wireless.

Il mercato per i dispositivi wireless da anni ormai è in forte ascesa. Da un giro d'affari pari a 300 milioni di dollari nel 1998, è passato a 1,6 miliardi nel 2005. Le reti wireless oggi vengono installate negli aeroporti, nelle università, nei parchi pubblici delle grandi città e aiutano le persone a connettersi a internet senza bisogno di cavi. Tra qualche anno, oltre che fornire l'allacciamento alla rete, permetteranno di usare illimitatamente il pc dappertutto, senza l'incubo che la batteria si scarichi.

Si tratta comunque di una realtà non ancora pronta per essere messa sul mercato. "Rimangono ancora molte sfide ingegneristiche e molto lavoro lavoro da fare", spiega prudentemente Rattner.

Marin Soljacic, docente di fisica al Mit, ha aggiunto che sono tante le applicazioni pratiche di questo tipo di tecnologia, dal pacemaker al cuore artificiale, capace di "vivere" grazie a un'alimentazione wireless. Altro che fantascienza: la WiT-ricity, frutto della combinazione tra "wireless" ed "electricity", riesce ad accendere una lampadina a distanza. Perché non alimentare il dispositivo che fa battere un cuore?

SARA FICOCELLI - repubblica.it

Il paese africano usato come discarica dei rifiuti elettronici nocivi
L'organizzazione ha ricostruito la rotta delle nuove navi dei veleni. Le stime Onu parlano di 20-50 milioni di tonnellate di rifiuti ogni anno. Contengono elementi tossici che mettono a rischio ambiente e salute umana



E' il remake di un film degli anni Ottanta, un brutto film. Gli slum africani utilizzati come pattumiera dei veleni dei paesi ricchi, i primi vani tentativi di bloccare il traffico, la rivolta dei nigeriani che, esattamente vent'anni fa, sequestrarono una nave italiana, con 24 uomini di equipaggio, come arma di pressione per costringerci a risanare la discarica pirata di Port Koko. Adesso ci risiamo. Nella versione tecnologicamente avanzata dell'e-waste, il rifiuto elettronico che fluisce sempre più abbondante. La nuova pattumiera del mondo industrializzato è il Ghana: è qui che finisce una buona parte degli oggetti che fino a un istante prima dell'abbandono sembravano indispensabili e che all'improvviso si sono rivelati inutili, cancellati nella possibilità d'uso da memorie più potenti, software più avanzati.

La denuncia viene da Greenpeace che, con un'azione di "spionaggio industriale" è riuscita a ricostruire il percorso delle nuove navi dei veleni. Il punto di partenza per l'Europa è Anversa, in Belgio, dove confluiscono scarti elettronici provenienti da Olanda, Germania, Italia, Danimarca e Svizzera. Non si tratta di piccoli numeri. Le stime Onu parlano di 20-50 milioni di tonnellate di rifiuti tecnologici prodotti ogni anno: i Raee, ovvero i rifiuti derivanti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, rappresentano la tipologia di rifiuti pericolosi in più rapida crescita a livello globale (3-5% annuo, nel 2006 ogni cittadino europeo ne ha prodotto tra 17 e 20 chili all'anno). Contengono elementi tossici e persistenti (metalli pesanti, ftalati, pcb) che rappresentano un rischio per l'ambiente e la salute umana nelle fasi di trattamento, riciclaggio e smaltimento.

Dunque roba da maneggiare con attenzione. Ma le foto che potete vedere mostrano cosa succede veramente. Oggetti pericolosi trattati senza nessuna precauzione anche da bambini, materiale tossico bruciato vicino alle case, pozze di liquame contaminato in cui tutti sguazzano. E' questa la fine che fa una buona parte dell'e-waste occidentale: si perdono le tracce del 75 per cento dei rifiuti tecnologici prodotti nell'Unione Europea e di oltre l'80 per cento di quelli prodotti negli Stati Uniti. In parte restano nei garage e nelle cantine, in parte vengono smaltiti illegalmente nei paesi in cui sono stati usati, ma in buona parte salgono sulle navi dei veleni per arrivare nei luoghi in cui i lavoratori, spesso bambini, sono esposti ai rischi legati al cocktail di composti chimici che questi rifiuti sprigionano quando vengono trattati in modo non adeguato.

In Ghana l'indagine di Greenpeace ha messo in evidenza una rete di cimiteri clandestini. Le navi ufficialmente cariche di "beni elettronici di seconda mano" arrivano nel più grande porto del paese, a Tema, e da lì prendono la strada del centro di smaltimento di Agbogbloshie, ad Accra, la capitale. Oppure si sperdono nel marasma dei piccoli cimiteri sparsi un po' ovunque. Greenpeace ha fornito i dati relativi a quello di Korforidua, ma è un esempio tra tanti.

Un disastro ambientale, sociale, umano che rappresenta l'altra faccia del disastro politico che ci coinvolge direttamente. Vent'anni fa l'Occidente chiuse gli occhi sulle rotte dei veleni finché il contenzioso internazionale divenne troppo aspro per ignorarlo. Ora la capacità di risposta dei paesi che subiscono l'arrivo clandestino dei rifiuti elettronici (dall'Africa alle piazze asiatiche) è più alta ed è prevedibile che la tensione tornerà a salire molto presto.

ANTONIO CIANCIULLO - repubblica.it

I giganti del web contro la censura "Codice di condotta, dopo i Giochi"
Google, Yahoo! e Microsoft stendono un documento per i paesi non democratici. Verrà completato entro l'anno, quando Pechino 2008 sarà alle spalle. Preoccupato il Senato americano: "Pericolo per la privacy degli inviati alle Olimpiadi"

PECHINO - Google, Yahoo! e Microsoft, leader delle ricerche su internet, passano al contrattacco. I giganti del web stanno preparando un codice volontario di condotta per "proteggere e promuovere la libertà di
espressione e la privacy a livello globale" da applicarsi in quei Paesi dove vige un regime di censura. Purtroppo il documento non vedrà la luce prima di fine anno.

Il codice. L'iniziativa delle tre società, alle quali si aggiungono altre aziende più piccole ed alcuni gruppi per i diritti umani, parte dal gennaio del 2007. La sua attuale accelerazione è dovuta ad un'azione bipartisan del Senato americano. Il mese scorso il senatore democratico Richard Durbin e quello repubblicano Tom Coburn hanno scritto alle società chiedendo di finire il codice prima dell'apertura delle Olimpiadi, che inizieranno venerdì prossimo. I politici statunitensi sono preoccupati dall'idea che le grandi società della rete forniscano informazioni sui siti visitati dai giornalisti e dagli atleti giunti in Cina per i Giochi. Secondo il Wall Street Journal la risposta è arrivata oggi e nella loro lettera le società del web si dichiarano pronte a dare l'ufficialità al nuovo codice entro la fine dell'anno: i Giochi di Pechino restano quindi fuori dal codice.

I precedenti. Pochi giorni fa la censura cinese aveva fatto un passo avanti permettendo l'accesso ad alcuni siti bloccati come la versione cinese di Wikipedia e la pagina di Amnesty International. Un'apertura limitata però solo ai giornalisti. Negli anni scorsi le grandi società del web erano state pesantemente attaccate dai gruppi a tutela dei diritti umani, ed in particolare da Amnesty, per il loro supporto al regime di Pechino. Tutte le società hanno accettato di filtrare i risultati delle proprie ricerche alla luce dei diktat cinesi, con una percentuale vicina al 20% dei risultati oscurati: addirittura Yahoo! ha aiutato le autorità a rintracciare il giornalista dissidente Shi Tao, reo di aver diffuso sul web alcune direttive segrete del governo cinese.

Il mercato. Un danno di immagine notevole per alcune società come Google, che sul motto di "non essere cattivi" hanno fondato la loro fortuna. Eppure di fronte alla scelta tra il piegarsi al volere del regime o chiudere battenti, tutti i big della rete hanno preferito la prima ipotesi. Secondo gli ultimi dati in Cina adesso ci sono oltre 250 milioni di navigatori: troppi per essere esclusi dai piani di Microsoft, Yahoo! e "Big G". La speranza è che il codice di condotta in arrivo possa concedere anche agli internauti cinesi i diritti di quelli occidentali.

repubblica.it

Are you looking for a Web Hosting for your Web Site? Consider first these elements:
  1.   quality of service
  2. cost (starting from free)
  3. domains included / not included
  4. mail server
  5. support for scripts as Php or Asp
  6. support for database
  7. DNS server
About quality of service: consider limits of hard disk space, traffic and bands limits, guaranteed uptime and reliability, type of helpdesk.
Price. There are more free service, but often they put some ads in your pages, or a banner on top. If you want to build a professional website, of course you cannot host random ads on your pages…
Control if the offer consider domain registration or transfer. Generally, one domain costs about 7,00 $ / year.
If you need mail service, verify the presence of e-mail box: number of  boxes, space included, anti-spam and antivirus…
If your site is dynamic, you need support for scripts like Php or Asp (remember to check version: e.g. Php 5.0.0) and almost a database: MySql is the most used.
If you want to feel free to use many service, it’ s very important to have a DNS server: with this you can point domains (CNAME and A records) or mailboxes (MX records) to external services.

Paradossalmente, la Rete è stata fortemente promossa dallo Stato. Poi, però, è cresciuta sotto pesanti limitazioni alla navigazione. Sei cancelli e le parole vietate, ecco Internet censurato alla cinese
La "Grande muraglia": un insieme di sofisticati "firewall" e software, che rappresentano il più avanzato tentativo di controllare il cyberspazio





PECHINO - Una caratteristica originale di Internet in Cina è il ruolo propulsore e decisivo che lo Stato ha avuto nel suo sviluppo. Questo aspetto è stato esposto nei dettagli da uno dei più autorevoli esperti del settore, il dissidente cinese in esilio Xiao Qiang, nella sua audizione del 14 aprile 2005 a Washington ("The Development and the State Control of the Chinese Internet") di fronte alla US-China Economic and Security Review Commission. Molto più di quanto abbia fatto davvero (al di là dei proclami retorici) l'allora vicepresidente americano Al Gore quando a metà degli anni Novanta lanciò lo slogan delle "autostrade dell'informazione", in Cina le autorità di governo hanno avuto inizialmente una funzione maggiore dei privati nel consentire la diffusione della rete. Come nel caso degli aeroporti e dei porti, delle telecomunicazioni e delle autostrade, Internet è stato considerato dai vertici del partito comunista uno strumento al servizio dello sviluppo economico. E per definizione tutto ciò che contribuisce a mantenere alti ritmi di crescita economica è utile a cementare il consenso e la stabilità del regime.

Mentre negli Stati Uniti e in Europa Internet è cresciuto in maniera pervasiva, con un ruolo determinante degli interessi privati fin dall'inizio, e con un approccio bottom-up, in Cina il governo ha promosso e disegnato l'infrastruttura. Questo fra l'altro ha consentito di organizzarla secondo uno schema fortemente centralizzato, come tale più facile da sottoporre a controlli.

Gli utenti Internet in Cina si collegano alla rete globale passando attraverso sei "cancelli" di interconnessione che sono strettamente sorvegliati da agenzie statali. Esistono molti Internet Service Providers privati, ma essi possono operare solo collegandosi al World Wide Web attraverso quei sei cancelli, e pagando il pedaggio politico imposto dal governo. "In realtà - ha detto Xiao Qiang - Internet in Cina è piuttosto un grande Intra-net (rete a circuito chiuso, ndr) su scala nazionale, con accessi limitati all'Internet globale".

La componente più nota di questi controlli governativi è la censura, soprannominata dai dissidenti The Great Firewall of China (la Grande Muraglia di Fuoco della Cina), la cui funzione consiste nell'oscurare l'accesso ai siti indesiderati.

Sono "invisibili" per un utente che si trovi sul territorio cinese ben 19.000 siti stranieri sgraditi, che vanno da quelli della Bbc ad Amnesty International, da Wikipedia ai missionari cattolici di Asianews. Una censura più selettiva è quella che consiste nell'oscurare con precisione chirurgica solo quelle schermate che contengono alcune delle parole proibite contenute in un corposo "libro nero" del governo.

Per sorvegliare l'informazione che circola in rete il governo impiega trentamila tecnici a tempo pieno, assistiti da programmi di software che talvolta sono made in China, in altri casi sono stati forniti volontariamente dalle grandi società di software occidentali. Quei programmi filtrano le parole, cancellano, censurano, bloccano messaggi. Si è scoperto come uno di questi filtri si introduce di soppiatto all'insaputa degli utenti: il software Qq è il più diffuso per la messaggeria istantanea via Internet; la società cinese che produce Qq, la Tencent, su diposizione delle autorità ha incollato a quel software un programma (nome in codice ComToolKit. dll) che automaticamente blocca tutte le parole proibite.

Il Center for Internet and Society dell'università di Harvard lo ha definito "il più sofisticato sforzo in atto nel mondo" per controllare il cyberspazio. L'università di Berkeley è riuscita a estrarre il programma di software: contiene 1.041 parole sospette. Nella lista nera il 15% sono termini che hanno a che vedere con la pornografia e la pedofilia.

Il resto riguarda invece le libertà politiche e religiose, i diritti umani. Tra le 1.041 parole pericolose ci sono "democrazia", "libertà" e tutti i suoi composti e derivati (Free-China, Free-Net), "corruzione", "manifestazione", "sciopero", "Tibet indipendente", "Falun Gong". C'è anche la locuzione "figli di dirigenti del partito", forse per individuare tentativi di ricerca online sui patrimoni familiari, le aziende che possiedono, i consigli d'amministrazione di cui sono membri.

Le 1.041 parole sospette non vengono necessariamente censurate. Sono i campanelli d'allarme che fanno scattare i filtri della Grande Muraglia di Fuoco. Se un utente residente in Cina clicca troppe volte "Tibet libero" vede misteriosamente interrotta la connessione. Oppure si trova istradato per forza verso il sito ufficiale del governo che esalta "la pacifica liberazione del Tibet" da parte dell'esercito cinese nel 1950.

FEDERICO RAMPINI  - repubblica.it (31 luglio 2008)