I giganti del web contro la censura "Codice di condotta, dopo i Giochi"
Google, Yahoo! e Microsoft stendono un documento per i paesi non democratici. Verrà completato entro l'anno, quando Pechino 2008 sarà alle spalle. Preoccupato il Senato americano: "Pericolo per la privacy degli inviati alle Olimpiadi"

PECHINO - Google, Yahoo! e Microsoft, leader delle ricerche su internet, passano al contrattacco. I giganti del web stanno preparando un codice volontario di condotta per "proteggere e promuovere la libertà di
espressione e la privacy a livello globale" da applicarsi in quei Paesi dove vige un regime di censura. Purtroppo il documento non vedrà la luce prima di fine anno.

Il codice. L'iniziativa delle tre società, alle quali si aggiungono altre aziende più piccole ed alcuni gruppi per i diritti umani, parte dal gennaio del 2007. La sua attuale accelerazione è dovuta ad un'azione bipartisan del Senato americano. Il mese scorso il senatore democratico Richard Durbin e quello repubblicano Tom Coburn hanno scritto alle società chiedendo di finire il codice prima dell'apertura delle Olimpiadi, che inizieranno venerdì prossimo. I politici statunitensi sono preoccupati dall'idea che le grandi società della rete forniscano informazioni sui siti visitati dai giornalisti e dagli atleti giunti in Cina per i Giochi. Secondo il Wall Street Journal la risposta è arrivata oggi e nella loro lettera le società del web si dichiarano pronte a dare l'ufficialità al nuovo codice entro la fine dell'anno: i Giochi di Pechino restano quindi fuori dal codice.

I precedenti. Pochi giorni fa la censura cinese aveva fatto un passo avanti permettendo l'accesso ad alcuni siti bloccati come la versione cinese di Wikipedia e la pagina di Amnesty International. Un'apertura limitata però solo ai giornalisti. Negli anni scorsi le grandi società del web erano state pesantemente attaccate dai gruppi a tutela dei diritti umani, ed in particolare da Amnesty, per il loro supporto al regime di Pechino. Tutte le società hanno accettato di filtrare i risultati delle proprie ricerche alla luce dei diktat cinesi, con una percentuale vicina al 20% dei risultati oscurati: addirittura Yahoo! ha aiutato le autorità a rintracciare il giornalista dissidente Shi Tao, reo di aver diffuso sul web alcune direttive segrete del governo cinese.

Il mercato. Un danno di immagine notevole per alcune società come Google, che sul motto di "non essere cattivi" hanno fondato la loro fortuna. Eppure di fronte alla scelta tra il piegarsi al volere del regime o chiudere battenti, tutti i big della rete hanno preferito la prima ipotesi. Secondo gli ultimi dati in Cina adesso ci sono oltre 250 milioni di navigatori: troppi per essere esclusi dai piani di Microsoft, Yahoo! e "Big G". La speranza è che il codice di condotta in arrivo possa concedere anche agli internauti cinesi i diritti di quelli occidentali.

repubblica.it

0 Comments:

Post a Comment